20 Aprile 2024
Food&DrinkNews

Il trend dei cocktail a base di gin, lo spirit con il ginepro è sempre più in voga

Il Gin è uno dei distillati più noti al mondo, assaporato puro o all’interno di miscele ricercate, è diventato nell’ultimo decennio il protagonista assoluto nel mondo della mixability.

Si tratta di un distillato incolore (solitamente) ricavato dalla fermentazione di “mosti” di origine cerealicola aromatizzati con bacche di ginepro e botaniche di origine vegetale. Il ginepro è la botanica principale, da qui il nome “Gin”. Tra le altre botaniche abbiamo scorze di agrumi e altri elementi vegetali, semi, bacche, radici, piante, fiori e anche frutta. Le origini di questo spirit, risalgono a oltre mille anni fa, quando i monaci benedettini della “Scuola Medica Salernitana” iniziarono ad usare, a scopo curativo, l’alcol distillato e il ginepro. La formula originaria venne poi adottata e modificata nei Paesi Bassi per poi arrivare in Inghilterra dove il gin diventa popolare. La svolta arriva intorno al 1700 quando il gin viene miscelato con il chinino per prevenire la febbre malarica. Da allora il suo successo è stato planetario. Apprezzato dalla Regina Elisabetta II, da Churchill, da Madonna e da molti altri Vip, lo ritroviamo anche nel mondo della letteratura, della musica e del cinema.

Il suo successo è stato decretato principalmente dalla facilità di abbinamento con altri liquori, con i succhi e con le acque toniche. Nell’epoca dello spirit industry, paesi come la Spagna hanno iniziato a creare dei gin più morbidi e profumati che, miscelati con acqua tonica e serviti in grandi calici, danno vita ad un cocktail molto apprezzato dai giovani consumatori di ambo i sessi.

Vi proponiamo 3 modi di bere il gin miscelato

Oxley & tonic mediamente alcolico, secco, agrumato, adatto a tutte le ore

Vesper Martini corposo, deciso con profumi vinosi ottimo all’aperitivo

Winter Negroni armonioso, bilanciato con sentori di mandarino, ideale anche nel dopocena.

Gianfranco Laganà

Capobarman AIBES e titolare del Vesper  American bar di RC

 

 

Lascia un commento