27 Febbraio 2024
CulturaMusic History

Ritmo Blues, espressione tra poesia e musica

Ritmo Blues

Il Blues, è considerato un risultato finale dell’evoluzione della musica tradizionale, legata alle comunità nere nelle regioni del sud degli Stati Uniti.

È un’espressione di cultura musicale nata intorno al 1870 che mette in evidenza sentimenti di dolore e miseria, sviluppatosi in seguito alla schiavitù. Trova la forza e il coraggio di esprimere la propria angoscia che si traduce come un inno di guerra nel periodo delle migrazioni forzate e il conseguente mercato degli uomini di colore.

Pur essendo schiavi, questi uomini insediati nei territori come la Lousiana, New Orleans o nei dintorni delle rive del Mississipi, ebbero modo di continuare ad esprimere la loro spiritualità, le loro usanze e i loro costumi. Agli inizi, sia per i testi con molti doppi sensi che i pesanti riferimenti al sesso e per il ritmo particolare, il blues fu etichettato dalla Chiesa come “musica del diavolo“. La parola “Blues” anche se deriva dall’inglese “blue” (triste) non ha un significato ben preciso, indica però uno stato d’animo particolare. Gli strumenti utilizzati in origine derivano dall’ascolto della musica bianca che si tenta di imitare, sono: la chitarra (che imita il pianoforte) e l’armonica a bocca (che imita il sax), per questi uomini, sono oggetti facile da reperire e trasportare.

In origine veniva eseguito con strumenti poveri: è questo il “country blues” o blues rurale. L’immigrazione verso le grandi fabbriche del nord conduce i musicisti di colore (ex schiavi, figli e nipoti di questi) verso Chicago, la “Windy City”. Qui, verso la metà dello scorso secolo, il “country blues” si trasforma adattandosi alle esigenze della metropoli: nasce il “city blues” (detto anche Chicago blues) eseguito con le prime chitarre.

Ritmo BluesI testi sono differenti: parlano dei problemi della metropoli e non più di piantagioni di cotone, ma il sesso è sempre presente. Verso la fine degli anni ’60 il blues passa in secondo piano, ma è stato determinante per la nascita del rock &roll, del boogie woodie. La nuova generazione dei giovani di colore invece preferisce snobbare i tempi passati e si avvicina alla moda delle gang metropolitane, dando origine al funky e al rap.

Uno dei padri e leggenda vivente del blues è B.B. King, che insieme a Muddy Waters, Robert Johnson e T-Bone Walker per citare alcuni nomi, sono tra gli altri detentori che ancora tengono vivo il genere.

Consolato Malara

Lascia un commento